La profezia che si autoavvera

The Swami

Poche persone credono oggi alle profezie, eppure esiste un tipo di profezia che sembra avverarsi di continuo. Non siamo nel campo della magia, della religione o dell’esoterismo, bensì nel mondo altrettanto affascinante delle scienze sociali.

Se gli uomini definiscono reali certe situazioni, esse saranno reali nelle loro conseguenze”

Questo appena sopra è il teorema di Thomas ed è la base da cui partire per capire come questa peculiare profezia si “autoavvera”. Il sociologo William Thomas durante le sue ricerche formulò questa legge ad indicare come le credenze delle persone circa la realtà circostante anche senza avere un solido fondamento avevano l’effetto di coupon-codeprodurre comportamenti coerenti rispetto alle stesse credenze.

In altre parole, le costruzioni mentali anche se non aderenti alla realtà producono conseguenze reali.

Con un esempio, se un gruppo di tifosi crede che la propria squadra vincerà una partita decisiva il giorno dopo, tutti i membri del gruppo si prepareranno ai festeggiamenti comprando cibo, spumante e oggetti per fare baldoria.

Basandosi su questo teorema, il sociologo Robert Merton definì negli anni ’50 quella che ancora oggi si chiama “Profezia che si autoavvera”. Egli la descrisse così:

una supposizione o profezia che per il solo fatto di essere stata pronunciata, fa realizzare l’avvenimento presunto, aspettato o predetto, confermando in tal modo la propria veridicità”

Thomas and Merton

I sociologi americani William Thomas e Robert Merton

Detto in altri termini: una credenza infondata ritenuta vera può produrre dei comportamenti che hanno come risultato quello di far avverare la credenza iniziale.

La cosa più sorprendente è che questo esito avviene in maniera del tutto involontaria e può avvenire su diversi livelli dato che è un effetto di natura psico-sociale.

 

Questo effetto può avvenire:

  1. ad un livello macro nella società nel suo insieme,
  2. ad un livello meso all’interno di gruppi tramite meccanismi inter-individuali,
  3. ad un livello micro nella singola persona su un piano intra-individuale.

 

Se ti è piaciuto l’articolo scrivilo subito sotto e fallo sapere ai tuoi amici!

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Filosofia, Società da Luciano . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Luciano

Sono un appassionato di crescita personale, mi interesso di psicologia, filosofia, comunicazione, religione e di tematiche sociali di attualità. Amo leggere, discutere e mi piace passare il tempo con giochi di strategia e di ruolo. Sono laureato in Sociologia, studio alla specialistica di Management e Comunicazione d'Impresa e nel prossimo futuro vorrei lavorare nella gestione delle risorse umane.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...